Il Rispetto delle Regole e dei Giudici

15 Maggio 2018

Nota del Fiduciario Regionale del Gruppo Giudici di Gara Giuseppe Spanedda

                 Il Tribunale Federale della Federazione Italiana di Atletica Leggera con decisione del 16 aprile 2018 ha sanzionato, comminando un periodo di squalifica,  il comportamento dell'atleta che, partecipando alla manifestazione "Cagliari respira" del 3 dicembre 2017, aveva effettuato la prova spingendo una carrozzina con a bordo la figlia.

                Colpito dall'immediato provvedimento di squalifica inflitto dal Giudice Arbitro della gara l'atleta si era esibito  in una risposta inadeguata ed aveva proseguito la polemica su Facebook e su MBN News con espressioni assai  poco cortesi nei confronti anche della Federazione  e non consone allo stato di tesserato  vincolato a disposizioni regolamentari.

                La sentenza fa rilevare come l'ignoranza dei Principi Fondamentali  delle Federazioni Sportive, del Codice della Giustizia Sportiva, dello Statuto e dei Regolamenti  non può essere invocata a nessun effetto.

                La massima "ignorantia legis non excusat" trova qui piena applicazione.                              

                La sentenza pone in evidenza la pericolosità della condotta, avuto riguardo alla copertura assicurativa e medico sportiva garantita solo ed unicamente a favore degli atleti partecipanti a gare organizzate secondo l'ordinamento giuridico vigente, la gravità dell'affermazione rivolta ad un Arbitro Federale nell'esercizio delle sue funzioni, la gravità  della affermazione rivolta alla Federazione di appartenenza, riportata sul social Facebook e su quotidiano on line MBN News.

                La tolleranza finora dimostrata dai  Giudici di fronte a comportamenti ed espressioni non adeguate, e talvolta gravemente offensive nei loro confronti o nei confronti delle Federazione e dei suoi Organi od Organismi non attribuisce certamente il diritto a proseguire su questa strada.

                I Giudici sono stati invitati a segnalare ogni comportamento scorretto, anche dopo avere adottato i provvedimenti previsti dalla vigente normativa; per quanto  di mia competenza intendo porre fine con ogni mezzo a questo proliferare di atteggiamenti scorretti e darò seguito  ad ogni iniziativa  necessaria, nei confronti di chiunque.

 



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate