Golden Gala: Sabbatini e Abdelwahed sono le star

10 Giugno 2021

Che laziali! La mezzofondista a un soffio dal minimo olimpico: "Wow". Abdelwahed quarto di sempre nei 3000 siepi, ha il pass olimpico in tasca. Re vuole crescere ancora: 45.80. Per Roberta Bruni una serata storta

 

di Christian Diociaiuti

La notte dei diamanti con le stelle dell’atletica internazionale a azzurra regala più d’un sussulto. Il Golden Gala “trasloca” da Roma a Firenze e non delude, in una serata d’estate e in cui piovono grandi risultati. C’è il record europeo di Jacob Ingebrigtsen nei 5000, c’è un ritrovato Leonardo Fabbri nel leso e il vero Gimbo Tamberi nell'alto, ma anche dei 1500 femminili velocissimi. E gli acuti della truppa laziale.

I RISULTATI DEL GOLDEN GALA PIETRO MENNEAFOTOGALLERY (di Francesca Grana/FIDAL)

Quello più in evidenza è quello di Gaia Sabbatini. Dimenticate l’undicesima piazza e soffermatevi sul tempo: 4:04.23 per la teramana delle Fiamme Azzurre che si allena a Roma. Innanzitutto è il nuovo personale della mezzofondista che vive un momento magico da qualche settimana a questa parte. E nel giorno del suo 22esimo compleanno sfiora il minimo olimpico: “Se vedo 4:04 dico wow. Ma vorrei spaccare tutto, sapendo che il minimo per Tokyo è a 4:04.20” dice nel dopogara. Manca poco per il pass olimpico. Ed è la quinta di sempre nelle liste di specialità. 

INTERVISTA A GAIA SABBATINI

Da brividi i 3000 siepi di Ahmed Abdelwahed: con il pass olimpico in tasca, l’atleta romano delle Fiamme Gialle si regala un 8:12:04 da quarto posto: “Il segreto è chi mi sta vicino” sorride pensando già a Tokyo. Adesso è al quarto posto di sempre in Italia nella specialità, una gara di grande carattere. 

INTERVISTA AD AHMED ABDELWAHED

C’è anche il secondo posto di Davide Re (Fiamme Gialle) nei 400: “Meglio di questo, ora, non si poteva fare. Sogno e lavoro, ovviamente di tornare sotto ai 45”. La sua gara è da secondo posto con 45.80, nel 400 vinto da Zambrano con 44.76.

“Una serata no, ci sta. Magari non ho saputo gestire la tensione” è il commento a fine gara di Roberta Bruni. La primatista italiana dell’asta (4,70) incappa nella classica giornata storta e alla misura d’entrata, 4,31, non riesce nei tre tentativi a disposizione. Vince Sidorova con 4,91.

In chiusura di serata Yupun Abeykoon, il cingalese che si allena a Castelporziano con Claudio Licciardello, arriva quarto (primo posto a Simbine in 10.08) con il crono 10.16 (-0.1). Ha un personale di 10.15 che è anche record di Sri Lanka.


File allegati:
- RISULTATI
- PARLANO GLI AZZURRI
- IL RACCONTO DELLA SERATA

Gaia Sabbatini (Fiamme Azzurre) | Foto Francesca Grana/FIDAL


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate